L'arte del detailing
Lucidatura Auto e Correzione Dei Difetti
 

        Servizi Professionali di Car Detailing Firenze 
       Prenota allo: 3881911649      info@gamshinedetailing.com 

L'arte della lucidatura

L'arte della lucidatura.

Una carrozzeria splendente è il biglietto da visita di ogni veicolo e una perfetta lucidatura è fondamentale per ottenere questo risultato.
A seconda del tipo di vernice, della sua usura e della sua età, è necessario utilizzare Prodotti, Attrezzature e Procedure appropriate al fine di ottenere la massima brillantezza.
Le nostre Metodi di Lucidatura prendono in considerazione la quasi totalità dei casi e consentono di ottenere il miglior risultato sulle vostre vetture.

La corretta lucidatura della vernice di un autoveicolo dovrebbe sempre avvenire nel seguente modo:

  1. applicazione di un prodotto lucidante (pasta abrasiva) in grado di abradere la superficie abbassandola fino ad eliminare le imperfezioni che la rendono opaca.
  2. applicazione di un prodotto lucidante più fine in grado di abradere la superficie fino ad eliminare le righe lasciate dal precedente prodotto
  3. via via prodotti sempre più fini fino a che le rigature a livello microscopico sono pressoché inesistenti.
Fino a qui il concetto di base appare semplice: abradere gli strati di vernice più superficiali con prodotti sempre più fini.

Tuttavia la lucidatura di una  carrozzeria auto è in realtà un processo molto delicato poiché è influenzato da tutte le operazioni che sono state effettuate precedentemente (applicazione del fondo, verniciatura,...) e da un'altra molteplicità di elementi:

  • La temperatura della superficie.
  • Il tipo di vernice
  • l'età della vernice (appena depositata o vecchia di 10 anni)
  • le sostanze abrasive contenute nella pasta lucidante
  • le sostanze chimiche contenute nella pasta lucidante
  • l'applicazione a mano o a macchina
  • lo strumento di applicazione 
A differenza di quanto si pensi non influiscono invece fattori quali:
  • colore
  • spessore
Da considerare poi che le vernici degli autoveicoli negli anni si sono evolute in tre principali direzioni:
  1. lo spessore della parte pigmentata (colorata) si è ridotto in favore di strati sottostanti quali il "fondo" e strati anticorrosivi.
  2. Sempre più le vernici ad unico strato sono state abbandonate in favore delle cosiddette "doppio strato" (in alcuni casi triplo). La verniciatura "doppio strato" prevede che la vernice che contiene il colore venga coperta da uno strato di vernice trasparente detta appunto "trasparente" che serve a proteggere e ad offrire maggiore senso di "profondità" alla carrozzeria. Attualmente è abitudine delle case automobilistiche verniciare gli autoveicoli con un unico strato se colori "pastello" (bianco, nero, rosso,...) e con la tecnica "doppio strato" se si tratta di "metallizzati".
  3. la terza e più rilevante evoluzione delle vernici automobilistiche è stato il passaggio da solventi a base di petrolio a solventi a base d'acqua. Questo ha cambiato completamente il comportamento delle vernici in fase di asciugatura, nella capacità di resistere agli agenti atmosferici, nel modo di depositarsi e distendersi sulla superficie e infine nel modo di rispondere alla lucidatura.
Vi sono in commercio prodotti lucidanti "finti" che si limitano a riempire le incongruenze della vernice con un prodotto cosmetico; il risultato è che dopo poco tempo la vernice tornerà opaca come prima. Analogamente vi sono prodotti lucidanti che assicurano un risultato perfetto con un passaggio unico: ciò è possibile solo su vernici poco rovinate.   

Attualmente si sono affermati prodotti lucidanti a base d'acqua che garantiscono 3 tipi di vantaggi:
  1. tossicità prossima allo zero
  2. migliore compatibilità con le nuove vernici
  3. maggiore garanzia di risultato (i prodotti "coprenti" infatti sono generalmente a base di derivati del petrolio, mentre i prodotti all'acqua tendono ad essere più "sinceri" nel risultato)
Definita questa ampia casistica la confusione durante la lucidatura può facilmente regnare sovrana e molti profani e anche molti specialisti del settore tendono ad applicare in modo scorretto paste lucidanti e cere protettive fino ad ottenere pessimi risultati. È anche facile che si tramandino tra appassionati leggende infondate come il fatto che su un'auto rossa si debba impiegare una pasta rossa.

Per lucidare in modo corretto una carrozzeria è tuttavia sufficiente fare distinzione fra vernici "pastello" e "doppio strato" e fra i vari gradi di opacità. È inoltre fondamentale seguire fedelmente le indicazioni dei produttori di paste lucidanti: essi, come i produttori di vernici o di altri prodotti, progettano, testano e producono processi di lucidatura adeguati alle più ampie casistiche.

Pertanto, quando una persona si trova a dover lucidare il proprio autoveicolo, è opportuno che si documenti in modo approfondito sul tipo di vernice da lucidare e quindi sul prodotto da applicare. Una volta effettuata la scelta è fondamentale che segua fedelmente le indicazioni del produttore. Poiché oggi internet offre ampie possibilità di documentazione è opportuno approfondire personalmente tali informazioni: molti negozianti infatti tendono a vendere ciò che hanno a disposizione nei magazzini e molti presunti specialisti tendono invece a "mischiare" prodotti di varia provenienza in ordine casuale; tali indicazioni solitamente portano a risultati insoddisfacenti. Se il vostro benzinaio vi consigliasse di mettere nel serbatoio della vostra auto un 30% di gasolio e 70% di benzina affermando che l'auto funzionerebbe meglio, voi lo fareste?

Concludendo, la lucidatura di una carrozzeria auto sarebbe semplice se non fosse influenzata da decine di fattori diversi e contornata da leggende e cattive indicazioni.


Nicola M Grigoras